top-dj-martin-garrix-consigli

Martin Garrix nel 2013 era solo un volto nella folla dell’Ultra Music Festival, oggi il suo cachet per una serata è pari a quello di Afrojack ed è uno dei grandi nomi del Festival. Un ragazzetto che non passa inosservato. Intervistato dal Miami News Times, Garrix ha raccontato di come tutto è successo all’improvviso.

“Sono passato dall’essere il ragazzino che faceva impazzire la madre correndo in giro senza controllo, ad essere parte di un ingranaggio musicale di dimensioni mondiali”

Martin Garrix, tra i 4 Dj più forti del momento secondo Dj Mag, è stato scoperto dallo stesso manager di Justin Bieber e sta lavorando ad una nuova traccia con Usher. Il suo percorso è solo all’inizio eppure di strada ne ha già fatta molta.

 

 

E lui, che ha solo 18 anni non ha cambiato molto la sua vita: esce con i soliti amici che frequenta da quando aveva 8 anni e alcuni di loro se li porta anche in viaggio per il mondo.

“Non c’è mai stata davvero l’intenzione di fare carriera nel mondo della musica è stato tutto un caso. Ho iniziato a studiare la chitarra a 4 anni, ma non suonavo solo i Beatles, mi divertivo a suonare flamenco. Avevo tante melodie in testa che diventavano canzoni solo se avevo con me una chitarra. Anche far sentire le mie canzoni agli amici diventò un’esigenza. Da qui a mettere le mani su FruityLoops è stato un attimo. Ho cominciato a registrare le mie cose ogni volta che ne avevo voglia e potevo farle sentire a tutti quelli che volevo.”

“Poi è successo ho visto Tiesto alle Olimpiadi Estive del 2004. Suonava trance music e sono rimasto incantato al punto che decisi di comprare un Dj set orrendo, ma con il quale mi sono divertito parecchio.”

A solo 10 anni Martin si ritrovò a mettere i dischi per i matrimoni di amici e parenti. Poi è arrivata la Herman Brood Academie dove Garrix ha cominciato a studiare per diventare produttore. Nel giro di otto anni è diventato quello che è oggi, chiamato dai più grandi Festival del mondo.

“La scelta della scuola è stata necessaria: l’obiettivo non era fare i soldi con la musica, ma capire come tirarne fuori il meglio. Solo quando mi hanno chiamato dalla Spinnin Records ho cominciato a crederci sul serio.”

La storia di Martin sembra una favola: un bambino a cui piace la musica, comincia a suonare, poi studia e alla fine si ritrova a condividere il palco con gente come Afrojack e David Guetta. “E’ stata fortuna, ma non solo” spiega Martin.

“Prima di ottenere il contratto con Spinnin Records, mi ero dato come obiettivo personale di fare una traccia al mese. Cercavo di spedire una traccia alle etichette per far sentire quello che sapevo fare. Visto che nessuno mi rispondeva non riuscivo a capire cosa ci fosse di sbagliato in me. Ora che sono dall’altra parte so esattamente dov’è l’errore.”

“Il consiglio che posso dare ai giovani che vogliono fare il Dj è di lavorare in studio il più a lungo possibile e cercare di fare progressi, se fate sentire i vostri progressi le persone non potranno far altro che apprezzare.”

Un altro consiglio che Martin Garrix ha condiviso con i suoi fan è questo: “Evitate di fare spam con la propria musica.  C’è un ragazzo che mi manda sei mail a settimana e alla lunga stufa. Se invece di mandarmi mail si mettesse a lavorare alla produzione delle sue cose farebbe molti passi avanti. Chissà dove sarà fra un anno.”

Martin passa molto tempo a lavorare alle sue nuove idee, arriva alla Spinnin Records con 35 tracce per volta e insieme al suo team poi decide come scremare il meglio. In questo periodo è al lavoro per prepararsi a debuttoare con nuovi brani all’Ultra Music 2015.

“Lo scorso anno il concerto di Miami è stato molto bello ho suonato solo 5 tracce inedite ed è stato emozionante questa volta voglio fare di più. C’è anche la diretta streaming, quindi avrò tutti gli occhi puntati addosso e voglio dare il massimo. Uno dei brani che suonerò è “Don’t Look Down” con Usher.”

All’Ultra Music Martin suonerà anche “Forbidden Voices” che su Facebook ha raccolto oltre 10 milioni di mi piace. Anche il video è stato apprezzato, racconta proprio il percorso di Garrix dalla scuola alla firma con Spinnin Records fino all’Ultra Music Festival.

ISCRIVITI ALLA FANPAGE:

Articoli Correlati

Comments are closed.

SOCIAL