Giorni infernali a Milano. La temperatura è salita alle stelle, forse anche per la presenza di Miley Cirus al Forum di Assago di Milano, ed io come tanti, non ero preparato né all’improvvisa ondata di “calore” e nemmeno alla performance della show girl americana, quindi, mi sono rifugiato in ambienti protetti con aria condizionata a palla, interessandomi alla Roma Pride 2014 ed ai nuovi edit arrivati in redazione.

DiscoJuice---DiscoBajon 

Oramai le mail sono tante ed i lavori che giungono alle nostre orecchie sono sempre più interessanti, ma questa settimana uno su tutti ha predominato. Sto parlando di Disco Juice – DiscoBajon re-edit della famosissima Stop Bajon di Tullio De Piscopo. Disco remixato anche da Theo Parrish in una versione chilometrica da oltre 16min(!). Paolo Russi aka Disco Juice ha partecipato anche lui alle selezioni di TOP DJ ma la sua performance ed i suoi gusti musicali non hanno convito i giudici. Effettivamente la sua personalità non sarà main streaming, ma i suoi set esclusivamente su vinile meritano rispetto. Le sue selezioni fanno ballare molti cultori di musica saggia e nell’ambiente della notte spesso ritagliarsi un angolo “underground” è molto più gratificante del cosiddetto “main stream”.

Passiamo ora alla Roma Pride 2014, manifestazione che ha investito come un treno tutta la capitale, nella quale hanno presidiato molti tra i nostri Top DJ. Quest’anno si celebravano i vent’anni della super-manifestazione caratterizzata, come sempre, da tanto colore, solidarietà e tanta, ma tanta buona musica. In veste del tutto originale quest’anno troviamo un Manuel Rotondo in b2b con Shana Dee con il loro set che ha sprigionato energia atomica da tutti i pori e la nostra femme-fatale Georgia Lee che ha stracciato i cuori di tutti, anche dei meno testosteronici, con perle musicali degne di nota. Fiori all’occhiello del programma Top Dj, il triplete romano ha sfornato mine per tutta la parata partendo da P.zza Della Repubblica fino al Colosseo racimolando i consensi di tutti. Bravi ragazzi!

Manuel-Rotondo---Shana-Dee---Georgia-Lee

Restiamo a Roma per parlare di altri due talenti made in Italy, ed in questo caso ci soffermiamo su due entità musicali molto talentuose e dalle sonorità impeccabili: sto parlando di Hugo Sanchez e Rodion. Rispettatissimi a livello mondiale i loro dischi sono recensiti da gran parte dell’ambiente techno che è dipendente da tutto ciò che è scuro, unico e moderno. Beat lenti ed atmosfere baleariche sono caratteristiche molto presenti in tutte le loro produzioni ed il sound del loro progetto Allien Allien e della loro etichetta RoccoDisco può essere descritto come l’evoluzione tecnologica disco-space dei Tears For Fears e Depeche Mode ma in chiave meno pop. Viaggi techno-deep che si mescolano a metriche funky anni ’80 uniti da suoni tipici generati da Moog mappati alla Giorgio Moroder, sono la dimostrazione del fatto che anche la techno può essere “sporcacciona”.

ROCCODISCO

Passiamo ora ad una nuova bomba musicale in uscita nei prossimi giorni. È in arrivo su Hell Yeah Recording una vera bomba firmata Dimitri From Paris e Dj Rocca. Il primo non ha bisogno di presentazioni, basta dire che è la legenda della house francese in chiave disco-funky, il secondo invece è una delle figure chiavi della house italiana con al seguito numerose collaborazioni e produzioni di notevole manifattura. Loro due insieme formano Erodiscotique, progetto che ha sfornato da sempre perle di saggezza e questa Disco Shake è sicuramente una di quelle.

Ultima segnalazione è la preview comparsa sul Soundcloud di Tanner Ross. La traccia che si chiama Lonely Sad Tale si avvale di un doppio featuring vocale tra Jules Born, famosa voce della scena house mondiale con collaborazioni del calibro dei Soul Clap e Prada Mane, discusso rapper dalla fama mondiale dal flow gitano ed originale. Del disco ancora tutt’ora non si sa nulla ma dall’anteprima si prospetta anche qui una bella mina per l’estate 2014.

Ciao bella gente ci si vede alla prossima e che il funky sia con voi!

ISCRIVITI ALLA FANPAGE:

Articoli Correlati

Comments are closed.

SOCIAL