I Daft Punk sono un caso a parte, le loro non sono maschere: sono messaggi alla società occidentale. E’ diverso. La figura del DJ che si nasconde dietro la maschera, elemento chiave di qualsiasi commedia dell’arte che si rispetti, è, per molti, inflazionata e abusata. Ma nonostante ciò è ancora una scelta molto affascinante per non mettere la propria faccia – da nerd? da tronista? – sul palco e, si dice sempre così, far parlare la musica, i dischi, il sound. 

10. ƱZ

La domanda è sempre la stessa: “Chi è? Di dov’è? E’ un dj famoso che si nasconde là dietro?”

uz-1
9. SQUAREPUSHER

E’ un nome grosso, storico. E’ un grande sperimentatore, anche – ammettiamolo – a livello estetico.
squarepusher-helmet

8. SAVANT

La maschera di “V per Vendetta” perché “è sinonimo di unità” ha detto il dj norvegese.
savant

7. MYNDSET

E’ un po’ la versione più ispirata ai maestri, ai Daft Punk. Cioè l’universo è quello di Tron.
myndset1

6. ZARDONIC 

Fa paura quanto Spawn o Predator, quanto il dubstep che tende all’heavy bass.
Zardonic

5. THE BLOODY BEETROOTS 

E’ sempre di più il Pavarotti della dance made in Italy. La faccia – ehm la maschera – di un’intera nazione.
the-bloody-beetroots

4. DJS FROM MARS

E’ talmente DIY la loro maschera che non possono non lasciare un segno. Di cartone.
djs_from_mars

3. SBTRKT 

Aaron Jerome porta in giro una tribal-face. Mood che non manca mai anche nei suoi pezzi.
SBTRKT at London's Heaven Music Venue in Charing Cross

2. DEAMAU5 

Meriterebbe il primo posto in diverse classifiche, la sua maschera è tra le più belle. Peccato però che anni fa se l’è tolta.

deadmau5

1. CAZZETTE 

Sono stilosissimi. Quelle due grandi cassette sulla testa, con i LED e i messaggi per i fans: epic win!
cazzette-fb

ISCRIVITI ALLA FANPAGE:

Articoli Correlati

Comments are closed.

SOCIAL