Tra i grandi nomi della musica elettronica, dagli anni ’90 ad oggi, i Dj francesi sono tantissimi. Si sono conquistati una fetta di mercato sempre maggiore e hanno dato inizio a quella che è considerata la scuola francese. La stessa che vedremo raccontata nel film Eden che aspettiamo presto in Italia. I Daft Punk, a cui il film è ispirato, possono considerarsi gli ambasciatori del così detto french touch nel mondo. In circolazione da vent’anni continuano a creare dei suoni innovativi che conquistano il mercato internazionale. I due Dj e producer hanno preso ispirazione dalla musica rock, come dalla dance degli anni ’70 ottenendo come risultato quello che possiamo definire il “suono dei Daft Punk”.

Ovviamente la Francia non è rappresentabile solo dai due “robot”, ma anche da altri Dj e producer che chi prima e chi dopo hanno contribuito a rendere celebre il french touch. Ci sono esempi come François de Roubaix, autore di musiche da film scomparso negli anni ’70 che ha aperto la strada e ci sono anche i Cassius, ovvero Philippe Zdar e Boom Bass, che hanno contribuito conquistando una fetta di mercato non vasta come quella dei Daft Punk, ma dando respiro internazionale alla loro musica.

Tra i Dj della Primavera Francese della dance ci sono anche gli Air che hanno raggiunto velocemente la fama grazie anche alle fortunate collaborazioni con registi come Spike Jonze e Michel Gondry. Sempre negli anni ’90 abbiamo conosciuto gli Stardust e St. Germain.  Tra i Dj dal tocco francese, c’è anche una signorina. Nel 1998 Miss Kittin si mise in luce con i suoi singoli “Frank Sinatra” e “1982”. Da quando ha cominciato non si è più fermata e continua a girare il  mondo di rave in rave.

Ma la Francia ancora oggi continua a sfornare dei veri e propri talenti. Uno degli ultimi è certamente Madeon, giovanissimo e con uno stile davvero molto ben definito. 

Con il 2000 sono arrivati altri nomi importanti come Modjo e Benjamin Diamond. Poi è arrivato anche il momento di  David Guetta di cui abbiamo già detto molto e anche di più. E’ uno dei Dj che probabilmente ha impiegato più tempo a scalare la vetta, ma è sicuramente uno di quelli più difficili da spodestare. Guetta non sbaglia mai un colpo e anche la sua costante curiosità, il piacere che dimostra nelle collaborazioni con i più giovani lo fanno restare eternamente giovane. Basti guardare il suo ultimo video.

Della stessa generazione è anche Bob Sinclar, uno che si diverte come un ragazzino e che sa sempre come e dove divertirsi. Non è un caso che sia stato lui l’ospite della serata finale di TOP DJ. Riguarda l’intervista della prima edizione del programma.  

Tra i colleghi “maturi” di Sinclar c’è anche Martin Solveig. La sua house è il risultato di molti stili mescolati assieme, che riescono sempre magicamente a dare come risultato qualcosa di potente e travolgente. Solveig ha raggiunto l’apice producendo MDNA di Madonna. Dopo una lunga pausa durata 4 anni, Solveig è tornato con “Intoxicated”.  Tra le sue cose più celebri, il match contro Bob Sinclar.

Non ci possiamo dimenticare di Quentin Dupieux, Dj Snake, Kavinsky, Tchami, Brodinsky e ne avremmo comunque citati solo la metà.

ISCRIVITI ALLA FANPAGE:

Articoli Correlati

Comments are closed.

SOCIAL